1DF: Olimpia Po.Li.Ri. – Asd Unione Pallavolo Sestese 3/1

Parziali: 25-14; 19-25; 25-18; 25-12.

 

Olimpia Po.Li.Ri:, Ponzalli (K), Ruvolo (2), Bartoli (3), Mula (6), Palaia (5), Donadel(1), Modica (13), Galeotti (2), Pratesi (10), Vagnliuca (2), Rubino (13), Calbi(L), Di Pede (L)

1°All.: Cavandoli

2°All.: Volpini

 

Dopo due giornate in trasferta eccoci di nuovo tra le mura dell’amato Palarosai: questa volta l’avversario da affrontare è la Sestese, decima squadra in classifica, ma assolutamente da non prendere sottogamba! Coach Cavandoli e coach Volpini per l’inizio del match schierano in campo Palaia in palleggio opposta a Modica, la coppia Bartoli – Mula al centro, Rubino e Vagniluca di banda, libero Di Pede, che sarà poi sostituita da Calbi. L’Olimpia parte bene fin da subito, staccando con un netto 6-1 le avversarie. In attacco siamo abbastanza efficaci e la Sestese non desta molte preoccupazioni nella ricostruzione del gioco; in battuta colpiamo dove dobbiamo, mettendo in difficoltà anche la loro ricezione. Da registrare un doppio cambio efficace con Galeotti che sale al posto di Palaia e Donadel per Modica; dopodichè ci avviamo velocemente verso la fine del set, che si concluderà con uno schiacciante 25-14.
Cambio campo e si riparte: Palaia confermata in palleggio con Modica opposto, idem per Bartoli e Mula al centro, Rubino di banda insieme a Vagniluca e Calbi libero. Adesso si deve stare attente ad una probabile reazione della Sestese , per questo è assolutamente indispensabile non abbassare la guardia e mantenere invece alta l’attenzione. Purtroppo però questo non avviene a causa ,forse, di un pò troppa sicurezza negli animi delle atlete in maglia blu, che questa volta partono sotto di ben 6 punti (parziale di 1-7) . Decisamente troppi gli errori ai quali ci lasciamo andare, soprattutto in attacco, dove cala notevolmente l’efficienza. Coach Cavandoli e coach Volpini optano dunque per un serie di cambi: rientrerà Di Pede per Calbi, Pratesi per Vagniluca e il medesimo doppio cambio Palaia-Galeotti e Modica-Donadel. Le ragazze sono brave a cercare di recuperare e a raggiungere il pareggio, salvo poi lasciarsi sfuggire l’occasione di ribaltare la situazione e andando a perdere il secondo set per 19-25.
Adesso dunque la partita è riaperta, ma l’Olimpia ritrova la concentrazione ed il giusto ritmo per andare ad affrontare al meglio quelli che saranno gli ultimi due set e che ci permetteranno di guadagnare 3 importantissimi punti. Nel terzo set scendono in campo di nuovo Palaia in cabina di regia questa volta con Rubino opposto, Modica e Vagniluca di banda, Ruvolo che sale al centro insieme a Mula, Di Pede libero. Non sempre è facile trovare i giusti stimoli per tirare fuori tutta la combattività di cui un atleta è capace, soprattutto contro squadre che non offrono grandi prestazioni con le quali confrontarsi costruttivamente, ma la squadra di casa ci crede, ci prova e trova la reazione che serve: torniamo ad essere più presenti sotto rete e così anche in seconda linea, come in battuta, dove continuiamo a mettere in difficoltà la debole ricezione della Sestese. Durante il set Pratesi entrerà per Vagniluca, Calbi per Di Pede e nel finale Donadel sostituirà Palaia a causa di un colpo all’occhio (per fortuna non grave) subito da una palla deviata dal muro. Il parziale si concluderà per 25-18.
Nel quarto set partono Donadel in palleggio opposta a Rubino, Modica e Pratesi di banda, la coppia Ruvolo-Bartoli al centro e libero Calbi. Continuando sulla scia positiva del set precedente l’Olimpia domina l’incontro, seppur barcollando un pò in difesa e attacco e resistendo invece meglio in battuta e ricezione. Con un monologo azzurro le ragazze si aggiudicano la partita vincendo quest’ultimo parziale con un bel 25-12.
Il prossimo incontro contro il Calenzano si prospetta certamente più impegnativo, ma le ragazze ce la metteranno tutta per cercare di ottenere il miglior risultato possibile! Grazie al sostegno dei tifosi e come sempre FORZA OLIMPIA!!!

 

Martina Ponzalli

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.