Serie D: Olimpia Po.Li.Ri. – Albatros Volley 1/3

GS. Olimpia Po.Li.Ri.: Bertini 1, Benedetti 2, Becucci (L), Facchini R. 13, Romano, Tassoni 6, Ferroni 12, Martelloni 9, Facchini F. 1, Desirò, Intravaia 8, Strinati 2.

 

Parziali: 18/25 – 17/25 – 25/18 – 20/25

 

Finisce come all’andata l’atteso derby tra Olimpia e Albatros, anche se questa volta il divario tra le due formazioni è apparso un po’ più netto nonostante l’identità del punteggio finale (3 a 1 per gli ospiti). Becucci schiera in partenza il sestetto-base, con Benedetti e Intravaia in diagonale, Tassoni e Bertini centrali, Martelloni e Facchini R. in banda, Becucci libero; avvio in equilibrio, poi una rotazione particolarmente complicata per i padroni di casa scava un solco di 7 punti tra le due squadre: verso la fine del set Strinati subentra a Bertini, ma l’Albatros mantiene il vantaggio e chiude 25 a 18. Seconda frazione simile alla prima, con gli ospiti presto in vantaggio e Olimpia che non riesce a recuperare, nonostante gli innesti di Facchini F. per Bertini, allo scopo di rinforzare ricezione e difesa, e di Romano per Facchini R.: 25 a 17 il parziale a favore dell’Albatros. Nel terzo set Becucci rimescola un po’ le carte, inserendo Ferroni come opposto e spostando Intravaia in banda al posto di Facchini R., con Strinati in campo dall’inizio a far coppia al centro con Tassoni; le cose non sembrano cambiare, l’Albatros va come al solito in vantaggio, Becucci inserisce Facchini R. per Intravaia, poi sul 12 a 7 accade quello che non ti aspetti: dal tavolo del segnapunti viene segnalata un’irregolarità di formazione da parte degli ospiti, che nello schieramento di partenza avevano erroneamente indicato un numero diverso da quello che risultava poi in campo. L’arbitro non può far altro che prendere atto della situazione e azzerare il punteggio degli ospiti: si riprende così a giocare sul 7 a 0 per l’Olimpia, che non si lascia sfuggire la ghiotta occasione e dopo gli innesti di Facchini F. per Tassoni e di Romano per Martelloni, si aggiudica la frazione 25 a 18. Il quarto set è il più combattuto dell’incontro: in campo Becucci mantiene Facchini R. in banda, Strinati al centro e Ferroni opposto, e nonostante l’Olimpia si trovi sempre ad inseguire, mantiene aperto il set fin quasi alla fine, dopo essere arrivata anche a -2 dagli avversari (16-18): dopo che Romano ha dato respiro a Facchini R., poi rientrato, e Facchini F. è subentrato a Strinati, la maggior forza dell’Albatros ha la meglio, e gli ospiti chiudono 25 a 20, per il 3 a 1 conclusivo. Partita non esaltante, con l’Olimpia decisamente fallosa in ricezione e difesa, poco incisiva a muro e in attacco, e con qualche errore di troppo in battuta: limiti che d’altra parte la squadra ha accusato fin dall’inizio della stagione, e che solo in qualche occasione è riuscita a superare. Bisognerà lavorare molto per cercare di migliorare il rendimento complessivo della squadra e onorare al meglio la parte finale del campionato, ma con l’impegno di tutti, che d’altronde c’è sempre stato, qualche altro buon risultato potrà certamente essere ottenuto.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.