U19M: Olimpia PoLiRi – Cascine Volley Empoli 3/2

U19M

Parziali: 25-20; 17-25; 26-24; 29-31; 15-6.

Olimpia PoLiRi: Lelli E. (K), Baldanzi L. (20), Biancani L. (11), Bussotti M. (13), Carnevali M. (17), Crema N. (4), Lastrucci G. (3), Pino M. (2), Baldanzi G. (L), Trisolini S. (L). N.e.: Onerati F.
1°All.: Mitti C.M.
2°All.: Rafanelli M.

Firenze – Una partita da vincere per sperare in un piazzamento migliore in classifica. Una partita da vincere perché le forze, le caratteristiche fisico – tecniche lo permettono. Una partita che, quando giocata, ha mostrato la netta superiorità dei padroni di casa.
Inizia Lastrucci in palleggio, Baldanzi Lapo come opposto, Bussotti e Carnevali sono le bande, mentre Biancani e Pino vanno al centro, con Trisolini che li sostituisce in seconda linea. I padroni di casa sono perennemente in vantaggio, un calo mentale e di attenzione rischia di compromettere il parziale, ma Carnevali e compagni riescono a riprendersi nel momento opportuno e fare proprio il parziale.
Nel secondo iniziano i soliti sei del set precedente, ma sembra un’altra squadra. Un sestetto accontentato del set vinto in precedenza. Lastrucci sbaglia qualche alzata di troppo, non mettendo i propri attaccanti in condizione di attaccare e viene sostituito da Lelli. Anche il capitano pecca, forse, di esperienza o di svegliezza mentale nella distribuzione di quel pallone. Una brutta sconfitta che non ci stava per quanto dimostrato in campo.
Nel terzo parziale torna in campo Lastrucci con Crema che subentra a Pino. Un set che poteva essere dominato dall’inizio alla fine, complicato anche per colpa di un palleggio in rete del libero Baldanzi. Un libero non deve mai cercare il punto, ma mettere in difficoltà se costretto a tirare la palla oltre la rete. Questo errore porta al tracollo mentale l’Olimpia che si vede rimontare e superare. A quel punto comincia una battaglia punto su punto, che i bianchi riescono a far propria.Biancani
Soliti in campo per il quarto set. Altro parziale dominato dai padroni di casa. Però tocca a Crema commettere l’errore fatale dalla battuta. Che non sia il suo fondamentale migliore si sapeva, ma ci sono momenti in cui bisogna battere oltre la rete, senza se e senza ma. Altro tracollo mentale che porta ad alcune ricezioni sbagliate, attacchi in rete, e alla lotteria dei vantaggi. Dopo una bella battaglia, però, è Cascine a spuntarla.
La partita giunge al quinto parziale. L’Olimpia gioca come sa giocare, senza troppe sbavature. Il parziale si conclude sul 15 a 6.
Eccellente la partita di Biancani, inarrestabile quando decide di attaccare, molto propositivo in fase di attacco e in continua crescita a muro. Purtroppo lui, come anche tutti (proprio tutti) i suoi compagni non sono esenti dalle cadute in crateri emotivi, attenzionali e psicologici che portano, inevitabilmente, a perdere punti su punti. Spesso la tensione vince in maniera incomprensibile e scostante, portando a errori banali che, purtroppo, questi ragazzi non possono permettersi. Di buono c’è che, quando mantengono il cervello attaccato e tranquillo su ciò che devono fare, non ce n’è per nessuno. Resta però l’amarezza di aver perso un’occasione, l’ennesima occasione…

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.