Il personaggio della settimana: Maurizio Zisa

Terzo appuntamento con “Il personaggio della settimana”.

 

Questa settimana è il turno di Maurizio Zisa, secondo allenatore della Serie C maschile nonché primo allenatore dell’U18 maschile con la quale disputerà la Prima Divisione Maschile.

 

Qual’è il tuo rapporto con la pallavolo?

Riassumerei il mio rapporto con la pallavolo con la frase: “Amore e rammarico”. Rammarico perché ho iniziato questo sport troppo tardi e mi sono certamente precluso la possibilità di giocare in serie più importanti di quelli in cui ho militato. Amore, perché da quando ho scoperto la pallavolo non posso più farne a meno, mi piace giocarla, guardarla, commentarla, ecc. Insomma, per capirsi, quando giocavo ero uno di quelli che all’ultima partita di campionato era demoralizzato, perché non avrebbe più potuto giocare il Sabato per almeno tre mesi.

 

Perchè proprio la pallavolo?

In realtà, io da giovane ho giocato a Pallamano, anche ad alti livelli, ma un grave infortunio alla caviglia mi ha “spezzato la carriera”.Circa 10 anni fa, su consiglio di un’amica, ho iniziato a giocare in un misto, poi in prima divisione a San Giusto ( con nomi illustri della pallavolo fiorentina come Pistolesi, Fani, ecc.) e poi l’approdo in serie D con l’Albatros, fino a conclusione della mia carriera da giocatore.

 

Cosa dicono di te?

Dipende, credo che i miei dirigenti mi reputino un allenatore affidabile e capace, con cui si può parlare di tutto, invece, i miei giocatori mi considerano una carogna (per dirla educatamente) poiché sono molto severo e spesso ricorro al pugno duro per ottenere la disciplina e lo spirito di squadra necessario in questo sport. Infine, i miei amici sanno che sono una persona che è sempre pronta a dargli una mano in caso di bisogno.

 

Aspettative per il tuo futuro pallavolistico?

Ad oggi, spero di ben figurare nella Final Four di Under18, anche perché abbiamo fatto sforzi notevoli per portare una squadra che navigava nelle ultime posizioni di classifica, ad essere tra le 4 migliori realtà under18 maschili nel panorama fiorentino. Per il domani, mi piacerebbe oltre che continuare ad allenare un gruppo di “grandi”, prendere per mano una squadra di giovani (come ad esempio un under16) e insegnargli ad essere ottimi giocatori, e vedere i loro progressi negli anni. Deve essere proprio gratificante. Ma chissà, forse viro verso il femminile….., del domani non c’è certezza, ahah.

 

L’esperienza Olimpia….

Fatemi dire, che sono orgoglioso di rappresentare una società così blasonata, anche perché mi sono sentito trattato come uno di “famiglia” sin da subito, tutti sono sempre stati cortesi con me, è hanno cercato di assecondare ogni volta le mie scelte pallavolistiche. Sono rimasto particolarmente colpito da come sono stato accolto dalla serie C nella mia funzione di secondo allenatore. Andrea Prosperi (il primo allenatore) mi ha sempre fatto sentire parte del progetto, e per questo lo ringrazio moltissimo, e i giocatori mi hanno sempre rispettato e hanno sempre accettato e condiviso le mie osservazioni o i miei consigli. In conclusione, quando vado all’Olimpia e come recarsi a casa di amici, è sempre un piacere.

 

Maurizio Zisa, circa 10 anni fa, su consiglio di un’amica, inizia la carriera da giocatore di pallavolo in un misto amatoriale, il Bar Mario, nel ruolo di centrale centrale. Dopo un anno passa al Meeting volley, sempre di misto amatoriale. Annoiato dal misto fa il grande salto andando a giocare nel San giusto Prima Divisione, dove per un anno ricopre il ruolo di libero/schiacciatore. L’anno successivo approda all’Albatros, in serie D, dove, nel ruolo di schiacciatore prima, e di libero poi (passaggio di ruolo a causa di problemi articolari) termina la propria carriera da giocatore nella stagione 2009/2010. Dal 2010/2011 entra nella scuderia degli allenatori dell’Olimpia, dove ricopre il ruolo di allenatore dell’U18 maschile e il secondo allenatore in Serie C maschile. Attualmente studia per diventare “Allenatore di Primo Grado”.

 

 

Chi sarà il prossimo? O la prossima?? O i prossimi???

Ho ricevuto alcune candidature, alcune delle quali molto interessanti, altre delle quali che mi riguardano da molto molto vicino. Spero di accontentare tutti entro la fine dell’anno. A tal proposito, cercherò di suddividere il “personaggio della settimana” in 2 appuntamenti: uno maschile, uno femminile. Ma è ancora presto per parlarne. Appuntamento alla prossima settimana con…………

Colgo l’occasione per ricordare a tutti che se volete proporre qualcuno del vostro gruppo, sia esso giocatore, allenatore, dirigente, mandatemi i vostri consigli all’indirizzo mail carlo.olimpia@gmail.com.

 

Carlo

Lorenzo

Grande uomo,grande allenatore! Visto che sono un tuo giocatore, posso dire che come persona sei favoloso; con te si ride e ci si prende in giro a vicenda sempre nei limiti stabiliti tra di noi! Con te le flessioni, anche se non sono piacevoli, sono più interessanti da fare, anche se sono di un numero gigantesco! Un uomo con le p***e come le tue, se ne trovano pochi a giro qua a Firenze! Alla final four daremo il massimo…. naturalmente cercheremo di farlo anche agli allenamenti!

Franca Manetti

Maurizio, è vero l’Olimpia è una grande famiglia… ma come in ogni famiglia seria è merito di chi vi entra a far parte se trova rispetto e attenzione… e tu l’hai trovato, per merito tuo!!!
Grazie per il tuo impegno
Franca

Marco R.

Grande Maurizio … un’altra grande persona arrivata a far parte della meravigliosa famiglia Olimpia
anche le lezioni del corso allenatori, con te, passano che è una meraviglia
complimenti per tutto ciò che hai fatto … e ciò che farai in futuro per questa società

Rispondi