DM: Saiuz Amiata – Olimpia Po.Li.Ri. 3/0

 

dmParziali: 25-23, 25-22, 25-23.

ARBITRO: De Luca Luigi.

OLIMPIA POLIRI: Lorenzini, Crema, Merlini, Bussotti, Mazzotta, Desirò, Geppi, Lelli, Manzoni, Milanese (L1), Niglio,  Trisolini (L2). All.Martelloni. 2°All.Controne.

ABBADIA SAN SALVATORE – Lunga trasferta in quel dell’Amiata per i blu gigliati. Basagni assente, impegnato a lavoro anche di sabato per le feste natalizie, e qualche piccola disavventura, la partita si chiude 3-0 per i locali della Saiuz, ma non senza sudare ogni punto.Il primo set si combatte punto punto: l’Olimpia è però molto falloso in attacco, e i locali molto agguerriti in difesa. Comunque la difesa non demerita anche in casa fiorentina, anzi alle volte dimostra anche troppo zelo: infatti sul 12-11 Milanese si lancia in un recupero acrobatico; il pensiero del nostro libero è “Prima la palla, poi la mia incolumità” ed è così che è stato; palla recuperata, ma il libero sbatte la testa contro il muro in fondo alla palestra, procurandosi un taglio profondo. Stop del gioco fino all’arrivo dell’ambulanza. In seguito  gli verranno applicati 3 punti di sutura (niente di grave come dimostra la foto). Si va avanti con la gara, con Trisolini al posto di Milanese: forse un po’ scossi dall’accaduto i biancoblu non ingranano, rimangono gli errori, ma i punti guadagnati sono sempre meno. Il set si conclude sul 25-23 con un errore fiorentino.
Il secondo parziale vede l’ingresso di Niglio per Lorenzini, ma la ricezione della squadra non va: la palla si trova sempre sui 4 metri e Desirò deve fare non pochi chilometri per arrivarci, rendendo il gioco offensivo scontato. A metà del set rientra Lorenzini, ma l’Olimpia non riesce mai a imporsi: tutto si chiude si chiude per 25-22. Terzo set invariato: stessi errori, poca aggressività sia in ricezione che in attacco. Nonostante ciò, i ragazzi di Martelloni si trovano in vantaggio per 7-14. Si apre una speranza per dare una svolta alla partita, ma l’ennesimo black out porta sotto i nostri ragazzi che cedono sul 25-23.

Trasferta da dimenticare, sfruttando la pausa natalizia per schiarire le idee e migliorare l’atteggiamento fino al prossimo match in casa Sabato 7 gennaio, contro il Volley la Bulletta.

Rispondi