DM: Olimpia PoLiRi – Robur Scandicci Ruini 2/3

DM

Parziali: 25-15, 25-22, 23-25, 25-27, 13-15.

Olimpia PoLiRi: Desirò (K), Lelli (NE), Onerati, Baldanzi Lapo, Boncompagni, Carnevali, Bussotti, Merlini, Intravaia, Biancani, Crema, Milanese, Trisolini (NE). 1°All: Mitti. 2°All: Ponzalli.

Firenze – Niente da fare. La maledizione del tiebreak si propone anche in questa giornata di serie DM. I ragazzi di mister Mitti per la quarta giornata consecutiva lasciano la vittoria agli avversari al quinto set. Questa volta da un vantaggio di 2 set a 0.
La Robur Scandicci Ruini si presenta al Palamattioli con una formazione rimaneggiata a causa di molteplici infortuni e con alcuni atleti convalescenti. L’Olimpia invece recupera Merlini e inserisce Intravaia, rinunciando però a Pino fermo per una sospetta appendicite.
Primo set con Desirò e Onerati in diagonale, Crema e Biancani al centro, Boncompagni e Carnevali di posto 4. Libero Milanese. La gara sembra mettersi subito sui giusti binari per gli atleti bianco blu. Muro e ricezione funzionano sopra ogni aspettativa e il parziale scivola via velocemente e facilmente chiudendosi sul 25/15 per i padroni di casa.
Secondo set senza varianti. Lo Scandicci inizia a prendere le misure ma il buon vantaggio maturato permette alla squadra capitanata da Desirò di far suo anche il secondo parziale anche grazie ad una chiamata arbitrale “fuori dal comune” che penalizza lo Scandicci proprio sul 24/22.
Terzo set con formazioni invariate. La squadra ospite, in trance agonistica dopo il torto arbitrale del set precedente, inizia a macinare punti e minare le sicurezze dell’Olimpia. Le sostituzioni di Boncompagni e Onerati per Bussotti e Baldanzi ristabiliscono la parità ma il finale di set è targato Scandicci che accorcia le distanze e riprende coraggio.
Quarto set con ancora Bussotti e Baldanzi in campo ed esordio di Intravaia al centro per un Biancani spento. L’Olimpia comanda il gioco, regala ben poco agli avversari ma qualcosa si spenge sul 22/17. La palla non casca più nella metà campo avversaria e il braccio degli attaccanti inizia ad essere sempre più scarico. Scandicci arriva all’aggancio e la spunta nel punto a punto di finale set.
I fantasmi dei 3 tiebreak precedenti si ripropongono. Le facce dei ragazzi bianco blu si fanno sempre più abbattute.
La partenza è incoraggiante. Subito 6/1 ma il cambio campo avviene sul’8/7. Scandicci approfitta di alcuni errori banali e si porta sul 13/11 per poi vedersi appaiare sul 13/13. Ancora punto a punto e un pallonetto ospite chiude set e incontro.
Un altro punto in classifica, altri 2 punti persi. Il pronostico era a favore degli ospiti ma l’andamento della gara lo stava ribaltando. Le occasioni si propongono di rado e ultimamente l’Olimpia non riesce a sfruttarle.
Ottimo esordio di Intravaia e buona prova di Crema. Bene gli opposti, ma solo finchè non sono stati messi sotto pressione. Male i posti 4, poco efficienti in ogni fondamentale.
Sabato prossimo alla Verdi, “trasferta” con Derby alle ore 18.00, dove il Firenze Volley Junior di Coletti e l’Olimpia PoLiRi di Mitti saranno chiamati a rendere meno amaro questo inizio di stagione caratterizzato da più bassi che alti.

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.