DM: Olimpia PoLiRi – American Graffiti IUS Arezzo 0/3

DM

 

Parziali: 26/28, 20/25,  19/25.

Olimpia PoLiRi: Desirò (K), Lelli, Intravaia, Biancani, Bussotti, Carnevali, Merlini, Boncompagni, Baldanzi G., Baldanzi L., Onerati, Milanese (L), Trisolini (L). All: Mitti. 2°All: Ponzalli.

FIRENZE – Inizia nel peggiore dei modi il 2016 dell’Olimpia PoLiRi Serie DM. Un 3/0 per gli ospiti Aretini che fanno sprofondare i bianco blu nei bassifondi della classifica. Per tutta la durata dell’incontro i ragazzi di Mitti hanno dimostrato di poter conquistare almeno un parziale ma la determinazione degli ospiti e i troppi errori dei padroni di casa indirizzano la gara su uno 0/3 meritato.

Partenza con Desirò e Baldanzi L. in diagonale, Intravaia e Biancani al centro (unici centrali a disposizione), Merlini e Bussotti di posto 4. Completa la rosa Milanese nel ruolo di libero. Fin da subito l’Olimpia risulta fallosa sia in servizio che in attacco rendendo molto facile il gioco allo IUS Arezzo. Un moto di orgoglio nel finale di set porta il parziale ai vantaggi dove, dopo aver avuto anche una palla clamorosamente sprecata da Baldanzi, è l’Arezzo a spuntarla 28/26.

Secondo set con i soliti protagonisti da ambo le parti. Dopo una prima fase di set sempre in vantaggio, un break lungo degli ospiti crea un gap difficile da colmare.  Il morale dei padroni di casa è ai minimi storici e nemmeno gli innesti prima di Onerati, poi di Trisolini e per finire di Carnevali e Boncompagni riescono a portare i frutti sperati. Ancora parziale agli Aretini, questa volta 25/20.

Ancora una volta, come tante volte è successo in questo inizio campionato, c’è la sensazione che si possa far meglio e soprattutto sfruttare le occasioni che si presentano. Il terzo set quindi dovrebbe rispecchiare queste sensazioni ma invece il copione non varia. Baldanzi e Onerati non sono proprio in giornata (i punti dei due opposti si conteranno su una mano alla fine della gara) e la ricezione non permette a Desirò di servire al meglio i propri compagni. L’esperienza degli ospiti ha la meglio e con il punteggio di 25/19 si chiude set ed incontro.

Se l’ultima gara del 2015 contro il Firenze Volley Junior aveva denotato un passo avanti, oggi i passi indietro sono due. Troppi cali di attenzione e momenti di buio condizionano le prestazioni degli atleti capitanati da Desirò. Sabato prossimo nella trasferta lunga ed insidiosa contro Saiuz Amiata l’Olimpia è chiamata al riscatto proprio in una delle gare più difficili che mette in programma il Campionato di Serie DM Girone A.

Forza Olimpia!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.