DF: Olimpia PoLiRi – Santa Maria al Pignone ASD 0/3

Parziali: 22-25; 17-25; 20-25.

 

Olimpia Po.Li.Ri: Azzini (K), Amante, Banchieri, Belardi, Chieca, Danti, Lippi, Margheri, Pintaldi (L), Raugei, Ricci, Vannini.

1°All.: Cosimo Becucci.

2°All.: Mirko Massi.

 

Qualcuno ha detto che il successo è la capacità di passare da un fallimento all’altro senza mai perdere l’entusiasmo. Un paradosso adatto all’occasione e che nasconde un fondo di verità: un obiettivo ambizioso racchiude sempre il rischio che la sorte ci possa riservare dei bocconi amari. E infatti l’incontro di sabato scorso col Pignone è stato un boccone amarissimo. Anche perché, a differenza della settimana scorsa, questa volta non ci sono attenuanti: abbiamo messo le nostre avversarie nelle condizioni di fare tutto ciò che volevano e che sapevano fare meglio, opponendo loro solo una minima resistenza, lasciandole giocare troppo spesso al centro, dove sono indubbiamente molto forti. Se le avessimo messe più in difficoltà, a cominciare dalla battuta, forse tutto il loro gioco sarebbe saltato. E invece siamo saltati noi, giù fino al quinto posto, davanti a un pubblico amareggiato e incredulo nel vedere la propria squadra in una versione decisamente inedita: rinunciataria, stanca, innervosita dai troppi errori e incapace di tenere lo stesso passo del Pignone. Mister Becucci ha provato di tutto ma il virus sembrava aver contagiato ogni componente della squadra. Solo Alessia, il nostro capitano, cercava di scuotere le sue compagne per farle uscire dall’opacità generale, ma senza risultati apprezzabili. Per fortuna sabato prossimo ci aspetta la trasferta in casa della capolista Lucca e così non ci sono scuse: serve un netto cambio di rotta. Una volta inghiottito il rospo, si dovrà ricominciare a giocare come sappiamo, spazzando via le tensioni e ricostruendo, un passo alla volta, la fiducia nelle proprie capacità; preparandosi alla gara nel modo più accurato e scrupoloso possibile per arrivare, sabato pomeriggio, nelle condizioni ottimali per essere noi a distribuire bocconi amari a destra e a manca, chiunque si presenti dall’altra parte delle rete. Da che mondo è mondo sono i vincenti a fiutare l’aria alla ricerca delle condizioni più favorevoli e, quando non le trovano, le creano. Nel girone d’andata questa squadra ha dimostrato più volte di essere capace di mettere in difficoltà avversari anche più quotati. Ora è tornato il momento di farlo. FORZA OLIMPIA!!!

 

Ugo Ricci

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.