DF: Olimpia POLIRI – Piandiscò Valdarninsieme 3/1

Parziali: 24-26; 25-21; 25-17; 25-20.

Arbitro: Chiocca S.

Olimpia PoLiRi: Orsini J. (K), Aterini I., Azzini A., Danti S., Luddi S., Margheri S., Matteoli I., Mattii E., Montagni A., Radicioni A., Tribuzi A., Moretti R (L). All. Mugnaini A. 2° All. Rafanelli M.

Piandiscò Valdarninsieme: Mascelli S. (K), Bonciani I., Bonciani L., Manetti L., Martelli L., Massi G., Mini C., Mori F., Sacchetti M., Semplici C., Terzaroli S., Botti G. (L), Margheri V. (L). All. Romagnoli L. 2° All. Pelucchini L.

Firenze – Una splendida partita in una cornice di pubblico eccezionale, mai vista prima. Una partita tra due forti compagini che si sono date battaglia colpo su colpo, ad armi pari. L’atmosfera sugli spalti è stata l’arma in più per le padrone di casa che, spinta dalle oltre 100 persone accorse al PalaRosai, porta a casa tre fondamentali punti per proseguire la propria corsa.
Inizia Orsini in palleggio, opposta la rientrante Rendo, Luddi e Montagni di banda, Danti e Aterini al centro con Moretti libero. Romagnoli e Pelucchini rispondono con Terzaroli in cabina di regia, opposta Lavinia Bonciani, Massi e Mori di banda, Irene Bonciani e Martelli al centro con Botti libero. Inizio molto lento per le padrone di casa, molto tese. Montagni sbaglia qualche ricezione di troppo e viene sostituita da Radicioni. Le ospiti hanno preso, però, un buon margine di vantaggio che, complici anche i molti altri errori delle fiorentine, gli permette di portare a casa il primo parziale.
Nel secondo rimane in campo Radicioni come banda. Le ospiti rispondono con le medesime sei giocatrici. L’inizio lascia dedurre un set come il precedente, le ospiti giocano meglio, più tranquille. Luddi non è risolutiva, Rendo torna a essere temibile, ma a fasi alterne, Radicioni non conclude con continuità, ma mostra un buon miglioramento in fase di ricezione. Aterini e Danti fanno la parte del leone, mentre Moretti non lascia cadere nemmeno una briciola. Sul finale del set Luddi scopre di saper attaccare, con convinzione ed efficacia, inanellado una buona serie di attacchi che mette il punto esclamativo al set.
Tornate in parità le due compagini si apprestano al terzo inesorabile set, che inevitabilmente fa pendere la bilancia. Le solite sei in campo per le azzurre, mentre le ospiti schierano la capitana Mascelli al posto di Terzaroli, Sacchetti al posto di Massi e Mini al posto di Martelli. Orsini e compagne hanno trovato il proprio ritmo e il passo gara giusto per incutere timore alle bianco-verdi della provincia di Arezzo. Rendo sbaglia qualcosa di troppo, alternando con costanza ottimi attacchi. Luddi ritrova il feeling con la prima linea e con il campo avversario. Entra Semplici per Mori nelle file ospiti, ma non cambia niente.
Nel terzo parziale Romagnoli e Pelucchini tentano nuovamente la carta Terzaroli in palleggio con Massi di banda, come S1. La coppia Massi – Semplici fa spesso male in parallela da posto 4, anche perché hanno visto che in diagonale c’è Moretti. Luddi, non contenta di attaccare, inizia anche a murare i centrali avversari con una certa continuità. L’ultimo punto è una liberazione, coronamento di una partita faticosa, ma allo stesso tempo bellissima da giocare, da vedere e, soprattutto, da vivere.
Onore alle sconfitte per la bellissima prestazione, una pallavolo d’alto livello che ha lasciato estasiati i tantissimi tifosi, di casa e ospiti, accorsi per veder giocare le proprie beniamine.
Il PalaRosai rimane un fortino per Orsini e compagne che riesce a portare altri tre punti fondamentali alla classifica. Dopo 11 giornate l’Olimpia è a 33 punti, il massimo possibile, con ben 7 di vantaggio dal Piandiscò secondo, 8 dall’Arnopolis terzo, uscito vincente per 3 a 1 dal campo del San Gimignano, e 9 dal PrimaQ di Becucci, che ha regolato 3 a 1 Tegoleto in casa.
La prossima settimana la compagine di Mugnaini e Rafanelli andrà a far visita all’ostico Valdarninsieme, allenato da Clarissa Pieri. In classifica le ragazze di Figline sono in quinta posizione, ma possono comunque contare su ottime individualità di indubbia esperienza e spessore. Altra battaglia tutta da giocare e da vivere.
Come ultima cosa voglio ringraziare, a nome di tutta la Squadra, tutti i tifosi che sono venuti a sostenerci al PalaRosai rendendo ancora più magica la serata. Soprattutto tutte le bambine del minivolley e del giovanile che non hanno fatto mancare il loro calore per tutto lo svolgimento della contesa, intrattenendosi successivamente con le ragazze della prima Squadra.

Marco Rafanelli

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.