CM: È finale, Firenze Volley rischia ma alla fine svalica il Montebianco

Serie C maschile SEMIFINALE PLAY OFF ritorno

Firenze Volley – Montebianco Volley 3-2

SET: 23-25, 15-25, 25-11, 25-16, 15-12

FIRENZE VOLLEY: Bandinelli, Barbera, Catalano, Cena, Coletti, Corti, Cotroneo (L1), Di Benedetto, Gristina (K), Magnini, Onori, Prosperi Turri (L2), Salvini. All. Saccardi.

MONTEBIANCO VOLLEY: Carrai, Del Testa, Fattorini, Flengo, Francesconi, Fronteddu (L2), Lombardi, Magni (K), Menichetti, Pasquetti (L1), Pianiginai, Pilucchini, Poli. All. Francesconi

ARBITRI: Campinotti Luca, Rafaniello Gaetano

FIRENZE  – Se fosse un film, il ritorno della semifinale play off di serie C si intitolerebbe ‘Paura e Delirio al PalaMattioli’. Due ore di inteso gioco da parte delle due formazioni hanno regalato ai numerosi spettatori una serie di emozioni, duelli e capovolgimenti da cardiopalma. Il Montebianco Volley mette in campo tutto quello che ha e impensierisce più di una volta le fila dell’Olimpia Firenze Volley. D’altro canto i ragazzi di Firenze risorgono come araba fenice e riescono a conquistare una metà che rischiava di essere solo un sogno. Ma partiamo con ordine. Entrambe le formazione sfoderano sin da subito il sestetto più stabile e lo scontro si apre subito in grande stile. In principio del primo set è il Firenze ad avere la meglio sugli ospiti ed ha prendere anche un bel distacco. Tanto è vero che sul 14-6 il Firenze sembra avere la vittoria in pugno. Poi tutto cambia: Montebianco inizia ad ingranare e ha fare break di due punti alla volta, avvicinandosi sempre di più. I fiorentini sembrano intimoriti dal riavvicinarsi degli avversari e iniziano a sbagliare, regalano altri punti. Gli ospiti aumentano ancora il ritmo e alla fine appaiano i ragazzi di Saccardi sul 22-22. Il Montebianco continua a tenere duro e alla fine la spunta sul 23-25. Nel secondo set i biancorossi sembrano essere intontiti dalle manovre del Pieve a Nievole e subisce una forte offensiva da parte di capitan Magni e i suoi. Il montebianco prende il largo e sul 9-13 inizia a premere sull’acceleratore. In battuta Pianigiani e Lombardi mettono in crisi la ricezione fiorentina, mentre l’attacco dei locali perde di efficacia. Saccardi prova a cambiare qualcosa verso il finale del set ma non c’è nulla da fare e i ragazzi di Francesconi chiudono con un perentorio 15-25. Nel terzo set l’Olimpia finalmente si riprende, e qualche cambio in formazione aiuta a sbloccare la partita. In campo per i fiorentini scendono Catalano, Bandinelli e Prosperi in posizione di libero, che senza timore affrontano sin da subito la partita in modo risoluto. L’avvio sembra portare il match al punto su punto, ma è solo parvenza: infatti dopo un paio di errori da parte di entrambe le squadre, è il Firenze a prendere il largo, portandosi subito sull’8-1. Da qui Catalano e Banditelli fanno un ottimo lavoro in attacco e Barbera non manca di servirli al meglio, grazie anche al bellissimo lavoro difensivo del giovane Prosperi Turri.Il set ora scorre abbastanza veloce e in men che non si dica si arriva sul 20-10. Da li la conclusione non è molto distante e il Montebianco cede le armi sul 25-11. Il quarto set si riapre con un po’ più di aggressività da entrambe le parti, tanto che si accendono anche gli animi sotto rete. L’equilibrio sembra tornare a farla da padrone, e si avanza sempre con un paio di punti in più; sul 5-2  Catalano va in battuta e inizia a martellare la ricezione ospite, con un bel turno di salto spin che porta anche due ace diretti, aumentando considerevolmente il vantaggio fiorentino fino al’8-2. Il Montebianco però non getta la spugna e si rifà sotto. Barbera sfutta bene ogni occasione di attacco e trova delle belle soluzioni sia con Cena che con Bandinelli, sfruttando anche al meglio la possibilità di primo tempo con Gristina e Coletti. Ancora un giro e Catalano ritorna in battuta: galvanizzato dall’ottima prova che la squadra sta offrendo, l’opposto di Firenze riparte con la sua carica infernale in battuta al salto, travolgendo ancora una volta la ricezione del Pieve a Nievole e portando il risultato sul 17-10. Prova il montebianco a rispondere, cambiando anche la regia di Pianigiani, ma oramai la difesa fiorentina lascia veramente pochi spazi all’offensiva ospite e controbatte ancora con un Catalano in versione ‘special’ anche in attacco: 21-12. Sul 24-15, il palazzetto è pronto ad esplodere per la conquista della tanto sospirata finale: ricezione fiorentina e Barbara non ha dubbio: palla in primo tempo a Coletti e 25-15 che porta l’Olimpia Firenze Volley in finale. Il tie break è ormai una pura formalità e Saccardi lascia un po’ di respiro a parte dell’ultimo sestetto. Nonostante ciò anche il Firenze si dimostra ancora ‘bestia mai doma’ e riparte sin da subito con un buon ritmo. Al cambio campo il Firenze è avanti di un paio di punti e ci pensa Onori in battuta a mantenere costante questo vantaggio. Sul 13-12 però il Montebianco non resiste più e il Firenze chiude le ostilità con un buon 15-12. Grande la festa in campo e sugli spalti dei fiorentini, che oltre la vittoria festeggiano anche il compleanno di capitan Gristina, classe 1975, ancora una volta tra i giocatori fondamentali del match.

Ora l’appuntamento passa direttamente a questo sabato, contro un’altra conoscenza di campionato: infatti nell’altra semifinale la Robur Scandicci passa con un netto 3-1 sulla Sestese, portando l’andata e l’eventuale spareggio di finale, tra le mura amiche dell’Olimpia Firenze Volley. A causa dell’indisponibilità del Palamattioli, appuntamento a sabato 26 alle ore 21.00 presso il PalaValenti, in Via Taddeo Alderotti, per gara 1 di finale promozione.

Rispondi