2DFB: Olimpia PoLiRi – Stella Rossa Robur 3/1

Parziali: 25-18; 24-26; 25-19; 25-19.

 

Olimpia Po.Li.Ri: Placidi M. (K) (9), Costa E., Sacco F., Pariani D. (16), Innocenti S. (12), Masi C. (11), Spataro B. (16), Cafaggi S. (L), Bertelli A. (L). N.e.: Di Filippo I. Falletta C., Giannini A.

1°All.: Pillori G.

2°All.: Rafanelli M.

Stella Rossa – Robur: Bandini I. (K) (7), Maritozzi E. (4), Borgi A. (1), Mazza Y., Fanfani V., Nencioni C. (1), Mensuali F. (1), Parlapiano P. (8), Falteri M. (2), Gambogi C. (8), Lelli B. (6), Razzolini E. (L).

1°All.: Tofanari E.

Arb.: Morello S.

 

Una partita dalla doppia faccia per le atlete di mister Pillori e mister Rafanelli. Una partita da dover dominare dal primo all’ultimo punto, ma che, come succede ogni sabato, le ragazze azzurre riescono a complicare, tal volta in maniera irreparabile.
Inizio con Costa in palleggio, opposta Pariani, Spataro e Masi sono le bande, Placidi e Innocenti al centro, Cafaggi libero. La numero 10 in maglia rossa dimostra fin da subito notevole difficoltà in ricezione, più del dovuto. Tutte le azzurre si muovono con difficoltà sulle gambe, preferendo star ferme a osservare il pallone piuttosto che muoversi e arrivarci sotto. Nonostante questo, una folgorante Pariani, trascina la propria compagine ad una agevole vittoria nel primo parziale.
Nel secondo subentra Sacco a Costa. Un set allucinante. Padrone di casa sempre avanti, fino al 24 a 20 in proprio favore. Sacco batte evitando l’errore, ma così facendo lascia troppa iniziativa alle ospiti che ne approfittano. Alcuni errori di troppo nei punti successivi fanno risalire le bianche di Scandicci. Entra Bertelli per Cafaggi, ma non cambia niente. Le ospiti vincono in rimonta per 26 a 24, un parziale di 6 punti a 0 in favore delle ragazze di mister Tofanari. Alle azzurre bastava un unico punto, ma passiamo al set successivo.
Nel terzo parziale torna in campo Costa. In questo set inizia il vero calvario per allenatori e tifosi di casa. Le azzurre si impegnano, ma la mobilità dei propri arti inferiori rasenta lo zero. Tanta grinta, soprattutto quando c’è da attaccare, quando fanno punto esultano e urlano incoraggiandosi a vicenda. Sono le piccole cose che mancano, la voglia di durare fatica, la voglia di spostarsi e rincorrere un pallone. Cafaggi, nella peggior prestazione dell’anno, viene nuovamente sostituita da Bertelli. La numero 5 ci mette del suo e prova a recuperare ogni pallone, anche quelli che non le competerebbero. Finisce con un sofferto, nonostante il punteggio faccia pensare il contrario, 25 a 19.
Nel quarto solita formazione e solito calvario spacca-coronarie. Pariani, dopo un primo parziale incredibile, sembra essersi assopita, forse piuttosto stanca per un ruolo che non è abituata a ricoprire. Però sale in cattedra Spataro. In attacco inanella una serie quasi interminabili di punti, in diagonale e in parallelo, imprendibile da chiunque. Finisce, non senza sofferenze, 25 a 19.
Da nominare, senza ombra di dubbio, il secondo libero Alessia Bertelli che ricopre questo ruolo da appena due mesi, ma che è riuscita a guadagnare fiducia e guadagnarsi la fiducia delle proprie compagne. Ancora pecca a livello caratteriale, ma sicuramente i progressi sono notevoli. Da nominare anche l’opposta Dafne Pariani e la banda Benedetta Spataro , quando la squadra aveva maggiore bisogno di punti di riferimento si sono fatte trovare pronte (purtroppo a turno) portando la squadra alla vittoria. Senza ombra di dubbio splendida anche la prestazione di Sonia Innocenti , in attacco difficilmente veniva fermata, a muro le prende tutte. Se non riesce a respingerla in faccia all’attaccante avversaria, comunque riesce a toccarla per aiutare la propria difesa.
La prossima giornata vedrà le atlete di mister Pillori e mister Rafanelli andare a far visita alle atlete del Chianti Volley, a 10 punti insieme alle ragazze azzurre. La palestra sarà il PalaMontopolo, esattamente quella dove gioca la squadra di serie A2 dell’Azzurra Volley di San Casciano.
FORZA OLIMPIA!!!

 

Marco Rafanelli

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.