2DFB: Olimpia PoLiRi – Firenze Ovest 3/1

Parziali: 25-12; 21-25; 25-23; 25-18.

 

Olimpia Po.Li.Ri: Placidi M. (K) (7), Sacco F. (3), Di Filippo E. (20), Spataro B. (10), Masi C. (9), Innocenti S. (6), Costa E., Di Cencio C., Cafaggi S. (L). N.e.: Delli Navelli S., Filippini E., Pariani D., Bertelli A. (L).

1°All.: Pillori G.

2°All.: Rafanelli M.

Firenze Ovest:Balli S. (K) (4), Galiberti D. (10), Picchi G. (2), Rea E. (7), Romani C. (3), Scaffai C. (1), Spilli G. (8), Stoppioni L. (7), Ugolini F., Capretti C. (L), Derli E. (L). N.e.: Andreoli E., Comparini S.

1°All.: Quevedeo J.

2°All.: Barzanti G.

Arb.: Scola C.

 

Dopo la brusca frenata nella seconda giornata di campionato, le atlete di mister Pillori e mister Rafanelli erano chiamate alla rivalsa. Nella prima stracittadina che le vede impegnate in questa stagione, le atlete di Seconda Divisione dell’Olimpia dovevano mostrare tutto il proprio carattere. A tratti è stato così, ma per la maggior parte della partita, purtroppo, hanno sofferto il ritorno delle ospiti.
In campo iniziano Sacco in palleggio, Di Filippo opposta, Spataro e Masi sono le bande, al centro si posizionano Placidi e Innocenti, Cafaggi libero. Un set ai limiti della noia, monopolio azzurro. Placidi e compagne tengono sempre in mano il gioco, senza mai cedere o eccedere. Finisce con un tranquillo 25 a 15, prologo che lascia poche speranze alle ospiti. Pensiero più che mai sbagliato.
Nel secondo parziale cominciano le solite sei. Al secondo pallone leggero infortunio per Spataro, cade male con la caviglia sul palo della rete, attimi di tensione, ma la giovane numero 9 si rialza e, leggermente acciaccata, vuole continuare, tra i tanti applausi del pubblico. La squadra, però, non gira. Sacco inizia a sbagliare troppi palloni, Masi non conclude sotto rete, e anche in ricezione soffre più del pensabile. Finisce 25 a 21 per le ospiti, riportate in corsa, non tanto da qualità tecniche eccelse, quanto dall’affossamento delle padrone di casa.
Nel terzo parziale subentra Costa a Sacco, ma non cambia niente, difatti sul 9 a 3 per le ospiti torna in campo la palleggiatrice titolare. Entra anche Di Cencio per Spataro per il giro dietro, ma il divario tra le due squadre aumenta oltremodo. Fino a quando Sacco decide di svegliarsi dal proprio auto-inflitto torpore e Di Filippo si prende sulle spalle le sorti della squadra. Attimi di tensione finali quando Masi sconnette gli ultimi neuroni inanellando una serie di errori quasi interminabile. Ed è proprio lì che succede l’impensabile. Diversamente da quanto visto di solito, la squadra si unisce attorno alla propria numero 11, invece di seguirla nel baratro, e compiono un autentico miracolo andando a vincere, con un gran muro di Innocenti, il terzo e fondamentale set.
Nel quarto partono le solite sette (sei più libero) dell’inizio del match. Masi continua ad avere problemi in ricezione, ma riesce a non perdere il controllo. Abbassamento di tensione sul finale del parziale, ma ormai la vittoria è nelle mani della squadra di casa. Pochi errori da ambo le parti, ma un’efficienza in attacco che premia le padrone di casa.
Da nominare, senza ombra di dubbio, l’opposta Elena Di Filippo che ha giocato una partita eccezionale, sia in attacco che in battuta. Sempre lucida e concreta in ogni situazione. Da nominare anche Sonia Innocenti. Nonostante alcuni lapsus in alcuni momenti del secondo parziale, ha mostrato lucidità e cattiveria, bombardando le avversarie da qualunque posizione, anche in battuta. Rimarrà negli annali della pallavolo la “sfrucugnata” che ha recapitato in faccia all’opposta avversaria nel terzo parziale.
La prossima giornata vedrà le atlete di mister Pillori andare a fare visita al San Michele.
FORZA OLIMPIA!!!

 

Marco Rafanelli

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.