2DFB: Chianti Volley Blu – Olimpia PoLiRi 3/1

Parziali: 25-23; 18-25; 28-26; 25-19.

 

Olimpia Po.Li.Ri: Placidi M. (K) (15), Masi C. (9), Costa E. (1), Di Filippo E. (8), Di Cencio C. (5), Spataro B. (15), Pariani D. (3), Cafaggi S. (L). N.e.: Sacco F., Di Filippo I., Bertelli A. (L).

1°All.: Pillori G.

2°All.: Rafanelli M.

 

Nel complesso non pessima come prestazione per le ragazze di mister Pillori e mister Rafanelli. Sicuramente non sono state le padrone di casa a vincere, ma le azzurre fiorentine a regalare una partita già messa in cassaforte. Sicuramente sono punti che potevano far comodo ai fini della classifica finale, punti che la compagine di Seconda Divisione deve imparare a non perdere con tale facilità.
Inizio con Costa in palleggio, opposta Di Filippo, le bande sono Spataro e Masi, al centro Placidi e Di Cencio, Cafaggi è il libero. Inizio pessimo per le ospiti, subito notevole il vantaggio preso dalle bianche di San Casciano, vantaggio che raggiunge anche i 10 punti sul 21 a 11. Però le ragazze di mister Pillori riescono a rimontare, grazie alle battute di Di Cencio e agli attacchi dei propri martelli, soprattutto di Spataro e Placidi. La rimonta, però, si ferma troppo presto, sul 23 pari.
Nel secondo parziale iniziano sempre le solite. Inizio migliore, qualche errore in meno nei momenti che contano, più testa alla partita. Tutti fattori che hanno segnato il secondo set, vinto con merito e con tanto cuore. Da vera squadra.
Ed è lì l’enorme sbaglio delle ospiti: si sono accontentate. Terza set drammatico, soprattutto dalla linea dei nove metri, alla fine del parziale saranno 9 gli errori collezionati in battuta. Un set che si era messo bene sul finale, con le ospiti avanti 24 a 22. Purtroppo sempre i soliti errori in battuta, la poca mobilità e altri errori sicuramente evitabilissimi hanno fatto tornare le padrone di casa, rinate come l’araba Fenice.
Questo momento, l’aver perso il terzo set, segna la fine delle speranze di gloria delle atlete azzurre. Nel quarto parziale cominciano sempre le solite, dopo poco entra Pariani per una spenta Di Filippo. Set combattuto, ma solamente fino al 17 pari, dopo è un monologo dalle tinte bianco-blu di San Casciano.
Solo una parola riecheggia incessante nella mente di tutti coloro che hanno presenziato alla partita, dalla tribuna e dalla panchina: “amarezza”. Tanta amarezza per il risultato sfumato, per alcune squadre che passano avanti in classifica, per la vetta che si allontana, per i punti che serviranno per un migliore posizionamento a fine anno.
Sicuramente ottima la prestazione dei due centrali. La capitana Marta Placidi ha dimostrato di essere un ottimo terminale offensivo, sia con le “sue” pallette solite, sia che, soprattutto, quando lascia partire il braccio. L’altra centrale, Chiara Di Cencio, invece è stata una gradita conferma, una sorpresa per chi la conosce poco. Dopo un periodo difficile tra la scorsa stagione e quella in corso, è tornata nel suo ruolo originario. In attacco autorevole, nonostante il fisso muro a 2, solida in battuta, pochi errori e molti punti portati alla causa, a muro ancora un po’ lenta negli spostamenti, ma in continuo miglioramento.
La prossima giornata vedrà le atlete di mister Pillori giocare contro l’Impruneta, a 13 punti, tra le mura amiche della palestra Rosai, sabato prossimo siete tutti invitati in questo secondo scontro consecutivo d’alta classifica.
FORZA OLIMPIA!!!

 

Marco Rafanelli

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.