2DF: San Quirico Volley – Olimpia PoLiRi 3/2

2DF

Parziali: 25/21; 12/25; 25/6; 23/25; 15/13.

Olimpia PoLiRi: Cherubini A. (K) (7), Alzetta M. (2), Bertoli G. (6), Cacciamani B. (9), Ciagli G., Donadel C. (1), Fiore A. (3), Gianfaldoni A. (2), Mercuriali G. (4), Pagliantini V., Toma F. (17), Bigi C. (L), Giannelli V. (L). I All.: Mahdal F. II All.: Rafanelli M.

Firenze – Passi avanti in classifica e gioco per le nostre giovani atlete. Ma ancora troppo poco aggressive e agoniste quando il match si mette sui binari giusti. Questo è il riassunto della gara di oggi.
Parte Donadel in palleggio, opposta Mercuriali, Cherubini e Bertoli sono le bande, Toma e Cacciamani al centro con Bigi libero. Non splendido l’inizio in ricezione per il libero, mentre in difesa regge bene risolvendo alcune spinose situazioni. Le azzurre stanno sempre davanti fino al 20 pari, quando manca il giusto cinismo e la voglia di chiudere bene il parziale. Un 5 a 1 in favore delle padrone di casa che spedisce al secondo set con molto amaro in bocca.
Nel secondo cominciano le solite che hanno giocato il set precedente, con Giannelli libero. Il giusto orgoglio, la risposta che ci voleva dopo un parziale come il precedente. Toma a muro non fa passare più nessuno, Cherubini e Giannelli in difesa lascia cadere ben poco. In questa apoteosi trovano spazio anche Fiore, Gianfaldoni, Alzetta e Pagliantini. Le azzurre sbagliano poco o nulla e il set viene archiviato con un netto 25 a 12.
Terzo set. Dopo un set dominato fino al 20 pari e un altro in cui le avversarie sono state surclassate in qualunque fondamentale, non è possibile perdere senza giocare. Il tecnico Mahdal utilizza tutte le carte a propria disposizione per cercare di riportare in carreggiata le proprie atlete, tornano in campo a turno Cherubini per Gianfaldoni, Mercuriali per Pagliantini, Alzetta per Donadel, Ciagli per Fiore e Bigi per Giannelli, ma ormai il danno è fatto. Un 25 a 6 che lascia presumere una conclusione veloce di lì ad un altro set.
Ma le azzurre, quando vogliono, dimostrano di essere tenaci nei momenti che contano. Riparte Donadel in palleggio, opposta Mercuriali, Cherubini e Bertoli di banda, Toma e Cacciamani al centro con Giannelli libero. Un set combattuto dall’inizio alla fine, punto su punto, con le padrone di casa a guidare l’avanzata verso il venticinquesimo. Entrano Gianfaldoni e Alzetta, sempre in battuta, ed è la solita classe ’99 a fornire alla capitana Cherubini la palla che proietta le due compagini al quinto inesorabile set.
Partenza ottima per le ospiti, che arrivano al cambio campo in vantaggio di due punti. Ma le azzurre sono squadra che si accontenta, permettendo alle bianco-rosse di tornare a galla fino al 13 a 12 in loro favore. Ed è qui che Mahdal estrae la carta Alzetta dal mazzo. Una mossa che il 99% degli allenatori ritiene una pazzia, quell’1% è seduto sulla panchina dell’Olimpia. La più giovane della squadra entra in battuta, un momento critico, con le ospiti che devono rimontare e il San Quirico, dopo aver concluso la propria rimonta si appresta a vincere. Salto flottante che scende davanti al libero avversario, troppo avanti che la giocatrice numero 13 non può arrivarci. Il parziale arriva sul 13 pari. Purtroppo è proprio dalle persone che meno ti aspetti che arrivano due errori. Prima Cherubini tenta un pallonetto che rimane corto, poi Cacciamani attacca di poco fuori.
Rimane l’amarezza per una vittoria sfumata contro una squadra battibile, ma rimane, comunque, la certezza di un lavoro che sta dando i propri frutti, lenti, ma pian pianino stanno arrivando, insieme ad alcuni punti. Se le ragazze continuano così, prima o poi, arriveranno anche le vittorie. La prossima settimana saranno impegnate tra le mura amiche del PalaRosai contro la capolista Scandicci, altra autentica battaglia.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.