2DF: Montelupo Città della Ceramica – Olimpia PoLiRi 3/2

2DFParziali: 15-25; 25-21; 12-25; 25-15; 15-12.

Arbitro: Buselli G.

Montelupo Città della Ceramica: Martinelli S. (K), Bambi F., Borsini L., Busacca F., Canzano M., Carli M., Giannelli C., Gradi L., Rocchini G., Spinelli M., Taizzani R., De Rosa G. (L), Maccanti R. (L). All.: Maso Hechavarria L. A.

Olimpia PoLiRi: Mercuriali G. (K) (12), Alzetta M., Bertoli G. (21), Cacciamani B. (7), Cherubini A. (8), Ciagli G., Donadel C. (6), Toma F. (15), Zayas O. (2), Di Pede M. (L). All.: Mahdal F. 2°All.: Rafanelli M.

MONTELUPO FIORENTINO – Una partita nettamente alla portata per le atlete azzurre che, con alcune defezioni, si sono presentate al cospetto della quinta in classifica alla ricerca di punti preziosi per accorciare la distanza dal Barberino. Alla strenua ricerca di un miglior piazzamento in vista degli imminenti play-out. Le atlete di mister Mahdal e mister Rafanelli giocano una partita totalmente altalenante, più del solito. Alternano, con dubbia costanza, prestazioni e giocate di alta pallavolo con errori estremamente banali e totalmente evitabili. Una cosa che Mercuriali e compagne non possono assolutamente permettersi.

Inizia Donadel in cabina di regia, opposta Bertoli, Mercuriali e Cherubini sono le bande, Toma e Cacciamani al centro con Di Pede unico libero. Un set giocato splendidamente, pochissime sbavature. Toma e Cacciamani a muro fanno passare ben poco, Bertoli martella da posto 2 incessantemente. Nonostante le ottime battute delle giocatrici in maglia bianca il trio di “anziane” composto da Cherubini, Di Pede e Mercuriali assorbe bene l’impatto e rende facile a Donadel creare gioco e azionare l’attaccante che più le aggrada.

Ovviamente non poteva essere tutto rose e fiori, troppo facile vincere il primo parziale lasciando a 15 le avversarie. Le azzurrine decidono di complicarsi la vita ulteriormente nel secondo set, senza alcun apparente motivo logico. Non funziona più niente, meno efficienza in attacco e ricezioni meno precise complicano la vita per le ospiti. Entra Ciagli per una non brillantissima Mercuriali, entrano anche Alzetta e Zayas per Bertoli e Donadel, ma cambia ben poco.

Fortunatamente il momento negativo sembra durare solamente quel secondo parziale, e Mercuriali e compagne cominciano nuovamente a macinare bel gioco nel terzo parziale, asfaltando letteralmente le padrone di casa.

Ma, come al solito, è solo l’idillio di un set. Come un’altalena va incessantemente avanti e in dietro le azzurrine alternano costantemente il proprio gioco a qualcosa di difficilmente definibile. Errori su errori, dovuti anche a una buona tecnica avversaria, portano le ospiti a soccombere nel quarto, arrivando quindi alla lotteria del tie-break.

Inizia male il quinto set, con le padrone di casa sempre in vantaggio fino al cambio campo. Le azzurre riescono a portarsi in vantaggio sul 12 a 11, ma quattro muri ben piazzati delle avversarie, uniti a qualche errore in fase di ricostruzione, di attacco e copertura, hanno fatto il resto.

Un vero peccato. A due giornate dalla fine della regular season Mercuriali e compagne si ritrovano undicesime a 4 punti dalla squadra che le precede, con i play-out oramai a un passo. La prossima giornata arriverà la Pallavolo Galluzzo al PalaRosai.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.