1DF: VBA Hoster Food – Olimpia Po.Li.Ri. 3/0

Parziali: 25-17; 25-17; 25-14.

 

Olimpia Po.Li.Ri: Ponzalli(K), Ruvolo(5), Mula, Bartoli, Palaia(2), Mancini, Modica(4), Galeotti, Vagniluca(7), Pratesi(5), Rubino(3), Castellani, Di Pede (L)

1°All.: Cavandoli

2°All.: Volpini

 

Dopo la bella prestazione in casa del Chianti e i 3 punti conquistati contro la giovane squadra del Montelupo, l’Olimpia arriva in casa del VBA consapevole di avere a disposizione un’altra opportunità per cercare di consolidare la fase di “ritorno” dopo un difficile periodo di brutte performances. Squadra, questa, che a differenza del Montelupo è però esperta e “in là” con gli anni. All’andata le ragazze in maglia blu furono protagoniste di una grande prova di tenacia e carattere: con grinta e pazienza tennero testa al VBA, sfruttandone la finale mancanza di fiato e chiudendo senza storia il match al tie-break. Storia completamente diversa invece questa volta: un’Olimpia spenta, opaca, in confusione, che solo a brevi tratti riesce ad esprimere il proprio gioco e a contrastare le avversarie, che si impongono con un netto 3-0.
Nel primo set partono Palaia in cabina di regia e Rubino opposto, la coppia Ruvolo-Bartoli al centro, Pratesi e Vagniluca di banda, Di Pede libero. Successivamente Castellani girerà dietro per Vagniluca ed entreranno Modica e Mancini nel doppio cambio con Palaia e Rubino. L’inizio dell’incontro vede entrambe le squadre tenersi testa fino a metà set dove poi purtroppo qualcosa si inceppa nei meccanismi di gioco dell’Olimpia, che molla e permette al VBA di aggiudicarsi il primo parziale per 25-17.
Nel secondo set riparte Palaia in palleggio con Modica opposto, al centro Ponzalli e Ruvolo, la coppia Pratesi-Vagniluca di banda, Di Pede libero e Castellani che darà il cambio a Vagniluca nel giro dietro. Un altro inizio set col freno a mano tirato per l’Olimpia che si trova sempre a dover inseguire il VBA per cercare di non concedere troppi punti di distacco. Ancora un’altra volta però non siamo in grado di “sbocciare” e di dimostrare quello che sappiamo fare. Assolutamente da dimenticare la prestazione in attacco, sia per la mancanza di incisività di attaccanti e centrali (complessivamente chiudiamo con un bassissimo 18% di attacchi punto) che per la qualità delle alzate. Da segnalare infatti, come non succedeva da tempo, ben 9 falli di doppia (6 a carico degli alzatori e 3 dei centrali). Le avversarie riescono a contrastarci senza troppi problemi, intuendo facilmente il nostro gioco e contenendo gli attacchi grazie ad una buona correlazione muro-difesa. Si aggiudicano così anche il secondo set per 25-17.
Le ragazze cercano di spronarsi a vicenda, di ricercare il sorriso sulle labbra chiesto anche da coach Cavandoli, sapendo di avere l’ultima possibilità di rimettersi in gioco e di riaprire la partita. Scendono in campo Palaia in palleggio con Rubino opposto, Mula e Ruvolo al centro, Modica di banda con Pratesi e Di Pede libero. Mancini e Vagniluca entreranno poi nel doppio cambio con Palaia-Rubino e Ponzalli preleverà Mula nel finale del set. In questa giornata sembra però non esserci nulla da fare: le avversarie sanno dove colpire e il nostro sistema muro-difesa continua a risentirne senza riuscire a contrastarle sia per gli spiragli dovuti alla mancanza di chiusura e velocità di spostamento, sia a quei cm che fanno la differenza e che permettono al VBA di passarci sopra. La difesa ovviamente non può essere ovunque e la permanente mancanza di incisività in attacco fa il resto: il terzo set si conclude con un perentorio 25-14.
In un incontro dove tutto sembra essere andato storto però emerge anche qualche dato positivo: chiudiamo bene in ricezione (sfiorando il 60% di + e #) ed anche in battuta (con un 66% di +). Rimangono comunque molti aspetti su cui impegnarsi, sia tecnici che di atteggiamento. Sappiamo cosa voglia dire lavorare con costanza e dedizione e continueremo a farlo, continuando a ricercare il carattere di squadra che fatica ad emergere, ma che è lì, pronto a uscire, pronto a manifestarsi in tutta la sua forza così come è avvenuto contro il Chianti e in altre partite che però adesso sembrano un po’ troppo lontane. Ma il segreto sta lì, nel non arrendersi mai e insieme provare e provare fino a raggiungere l’obbiettivo! Questa squadra ne è capace e saprà dimostrarlo!
L’appuntamento è per sabato prossimo al Palarosai contro le Sieci, vi aspettiamo numerosi!! Come sempre, FORZA OLIMPIA!!!

 

Martina Ponzalli

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.