1DF: Olimpia Po.Li.Ri. – VBA Hoster Food 3/2

Parziali: 21-25; 25-23; 25-23; 23-25; 15-8.

 

Olimpia Po.Li.Ri:Ponzalli (K), Ruvolo, Bartoli (12), Mula (11), Palaia (3), Donadel, Modica (9), Galeotti, Vagnliuca (16), Rubino (12), Pratesi (17), Castellani, Calbi(L), Di Pede (L)

1°All.: Cavandoli

2°All.: Volpini

 

Seconda partita tra le mura amiche del Pala Rosai per la giovane prima divisione targata Olimpia Po.Li.Ri.; un altro scontro da cardiopalma quello contro il VBA, ma che stavolta riporta scritto un bel “3” sotto la parola “locali”. Rispetto alla gara di Montelupo, coach Cavandoli e coach Volpini possono contare su una rosa più ampia e numerosa (ci voleva poco!), segnata dal rientro di Rubino e dal pieno recupero delle varie influenzate quali Calbi, Castellani e Pratesi. Restano ancora non schierabili Ponzalli e Ruvolo (rispettivamente capitano e vice), che continuano ad avere sei gambe in due contando le stampelle. Dopo un riscaldamento degno di entrare in concorrenza con il sabato al Tenax, le ragazze scendono in campo e quella che comincia a suonare è tutta un’altra musica. L’orchestra Olimpia viene diretta da Palaia opposta a Modica, Pratesi e Rubino si dividono il posto 4 mentre rimane intoccabile la coppia Bartoli-Mula al centro, “liberata” in seconda linea da Di Pede. Tanti gli imput ricevuti nel corso della settimana da coach Cavandoli e da coach Volpini per cercare di affrontare al meglio una sfida che, sulla carta e non solo, si presentava ostica e complicata; tanti i dati e i video studiati da coach Cavandoli per preparare la tattica giusta in grado di farci esprimere il nostro gioco al meglio delle nostre possibilità. Le ragazze ascoltano, capiscono e lavorano, diventando sempre più consapevoli non solo di ciò che hanno intorno, ma anche di ciò che hanno di fronte. Già dal primo set battute efficaci e mirate (si chiuderà con un 70% in + e # su 106 totali!) unite ad una ricezione e, soprattutto, ad una difesa da giapponesi, ci portano ad un confronto decisamente alla pari e forse a qualcosa di più. Purtroppo un leggero calo nel finale ci impedisce di concretizzare e monetizzare la bella prestazione. Non è così nel secondo parziale, dove ritroviamo lo stesso sestetto eccezion fatta per Vagniluca che va a rilevare Rubino. Tutto uguale alla prima mezz’ora tranne il punteggio che ci vede chiudere con un 25-23 bello e meritato. 1-1 e palla al centro, le squadre si preparano al terzo set; coach Cavandoli sfrutta a pieno la versatilità delle sue atlete e lascia a sedere Modica per schierare opposta Rubino e Vagniluca s1. E’ una battaglia campale perché l’Olimpia gioca a “sfinire” senza cedere allo sfinimento; battute corte, nelle zone di conflitto, poi lunghe ecc. fanno girare la testa al VBA che comincia piano piano a perdere i riferimenti e l’equilibrio; di nuovo 25-23 ed è quarto set. Stessa formazione, stessa determinazione; girandola di cambi solo dalla parte opposta della rete dove le maglie bianche cercano di spezzare il ritmo da maratoneta dell’Olimpia. La ricezione solida, la buona distribuzione del gioco, le battute importanti e le difese da fotografia (salvataggio all’88% su 195 difese!) sembrano aprirci il corridoio verso la vittoria; ma come spesso accade sono i momenti finali a lasciarci un briciolo di amaro; perdiamo l’efficienza in attacco e nonostante il cambio Vagniluca-Modica sul 22-23, la palla in terra casca nel campo sbagliato. 23-25 VBA e si va al quinto. A questo punto non c’è tempo né per i “se” né per i “ma”; è ora che conta, è ora il momento di affilare davvero le unghie e affondare il colpo nel fianco scoperto delle nostre avversarie. Ritorna la formazione del primo con Modica opposta e Rubino s1. Ebbene sì, questa prima divisione è viva, viva come quella palla che viene defibrillata senza sosta da atlete che di paura ne hanno poca ma che di grinta ne hanno tanta; testa, cuore e non ce n’è più per nessuno: l’Olimpia saluta la curva e si porta a casa una bella vittoria ma soprattutto una gran bella prestazione, giusto premio per queste ragazze che durante tutta la settimana lavorano senza arrendersi mai, insieme vincono la fatica e si impegnano con tutte le loro forze. Brave, brave, brave. Gara 5 ci vedrà ospiti sabato prossimo alle ore 21.00 nel campo giallo-rosso della Polisportiva Sieci; detto questo, un grazie ai tifosi e come sempre FORZA OLIMPIA!!!

 

Irene Merilli

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.