1DF: Chianti Volley – Olimpia Po.Li.Ri. 3/1

Parziali: 27-25; 22-25; 25-20; 25-18

 

Olimpia Po.Li.Ri: Ponzalli(K)(13), Ruvolo, Mula(9), Palaia(1), Mancini(2), Modica(15), Galeotti(1), Pratesi(2), Rubino(6), Castellani, Di Pede (L)

1°All.: Cavandoli

2°All.: Volpini

 

Sabato di fuoco per le ragazze della Prima divisione dell’Olimpia, che si trovano oggi ad affrontare per l’ottava volta in tre anni la compagine del Chianti Volley. Al palazzetto di San Casciano l’incontro lascia pian piano campo allo scontro, tramutandosi in una delle prestazioni più belle viste fin qui in campionato per quanto riguarda le azzurre. Alla fine non so fino a che punto il risultato, netto nella sentenza, renda onore al merito; un 3-1 per la squadra di casa, ma combattuto e lasciato malvolentieri alle atlete del PalaMontopoli, che, udite udite, vincono per una differenza di 11 (!!!) punti. Niente, nella gestione complessiva di una gara. Partenza con Palaia in cabina di regia opposta a Rubino, Modica Pratesi in posto 4, Ponzalli Mula al centro liberate in seconda dall’ancora unico libero DiPede. La squadra parte decisa, complice la voglia di riscattarsi consolidando la discreta prestazione di Borgo; bene in battuta, sbagliando pochissimo e soprattutto “mirando all’uomo” (battuta che supera ampiamente la nostra media del girone d’andate con un 57% di + e un 4% # e pochissimi errori). Nel finale di set sicuramente a buon rendere il doppio cambio Mancini-Galeotti e il giro dietro di Castellani su Modica; dal 17-13 torniamo sopra 20-19. Uno-due e la squadra ospite vola in vantaggio fino al 19-23, quando difficilmente evitabili errori tecnici si sommano a qualche defiance di troppo che permette alle bianco azzurre di riagguantare punteggio e set per 27-25. Secondo set che ci vede commettere qualche errore di meno nei momenti decisivi; a questo livello e in questo momento fa tanto, almeno quanto basta per imporsi. Questa la formazione: Palaia Rubino, Modica Pratesi, Ponzalli Mula, con Galeotti che gira dietro su Rubino, Castellani su Modica e Mancini su Palaia. Colpo su colpo l’Olimpia si porta a casa un gran bel set 22-25. Si riparte da capo quindi; terzo set che ricomincia con la stessa formazione e che si conclude con gli stessi cambi tranne che per l’unica novità Vagniluca su Pratesi. Il livello è alto, il gioco intenso e la tensione agonistica è lì, palpabile ai più; purtroppo i “colpi in canna” delle ragazze di Tavarnelle si dimostrano maggiori in numero e in efficacia, lasciando troppo indietro l’Olimpia che prova a resistere ma che alla fine viene costretta a chinare la testa e a cedere per 25-20. Ma i conti si fanno alla fine; tre minuti per tornare in campo, con il braccio caldo e il cervello acceso. Vagniluca confermata al posto di Pratesi, solito giro dietro di Castellani su Modica e passaggio di Mancini su Palaia. Fotocopia del terzo; Chianti dimostra di avere una marcia in più, mettendo a nudo i limiti tecnici e fisici di un’Olimpia che fatica a morire, ma che fa ancora più fatica a sopravvivere; 25-18 e via. Ottime percentuali in battuta, miglioramenti importanti a muro (10 muri #, che rispetto al girone d’andata costituiscono una media più alta) e nel lavoro dei palleggiatori, sia in distribuzione che in qualità; la pecca, grossa, in questo match va ricercata nei fondamentali di rice (con 13 ace subiti) e difesa oltre che alla solita, purtroppo bassissima efficienza in attacco, soprattutto da posto 4 (22% di #). Bene al centro con un 56% di attacco punto che vorremmo tutti vedere più spesso. Nuova capitolazione dunque, per questo gruppo che sembra comunque aver ritrovato, aldilà del risultato, quell’atteggiamento e quell’entusiasmo che non ci può e non ci deve mai abbandonare; “perché nei momenti più difficili basta solo ricordarsi…di accendere la luce”. Sperando inoltre che la dea bendata si sbendi e che ci doni molti baci (possibilmente non infetti visto il momento), appuntamento per sabato alle 18.00 contro la compagine di Montelupo, presso il fedelissimo PalaRosai. Un augurio di PRONTA GUARIGIONE alle infortunate/ammalate che purtroppo non ci mancano…grazie ai tifosi e come sempre FORZA OLIMPIA!!!

 

Irene Merilli

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.